Le SELEZIONI > TERROIR E VINI

AZIENDA IL POGGIO MONTEMARTINI LUIGI

Il vino come una volta nella valle della Camarà.

Poco ma buono, questa è la filosofia produttiva di una piccola viticoltrice dell'Oltrepò pavese, Mariella Montemartini.  Anche se con poche bottiglie l'anno, sa esaltare un territorio delle grandi potenzialità, raccontandone la storia e imbottigliando il valore.

Mariella, titolare dell'azienda Il Poggio Montemartini Luigi nella valle della Camarà in Oltrepò pavese alleva le sue viti nel rispetto non solo dell'ambiente e della vite stessa ma anche delle tradizioni che dal nonno, tramite il padre, sono arrivate sino a lei.

Tra i filari del suo vigneto il canto delle cicale è sonoro. Sorridendo ci spiega come il suo modo di allevare la vite favorisca la conservazione della biodiversità di quel terreno su cui ora poggia i piedi. Ad ogni passo si sollevano dall'erba grilli e cavallette quasi a testimoniare quello che lei sta raccontando.

L'attenzione e l'affetto che Mariella rivolge ai quei piccoli grappoli d'uva ancora acerbi, svelano la sua passione per quel mestiere tanto difficile. Il rispetto che riserva alla terra, sulla quale coltiva le sue viti di quasi 70 anni, la ripaga con una qualità d'uva ottimale, sana e bellissima.

Nella sua azienda vitivinicola Mariella produce, con quasi 2 ettari, un solo vino. La sua denominazione è  Rosso Oltrepò Pavese Doc ottenuto dalla spremitura di uve Barbera, Croatina e Uva Rara. Un solo prodotto, buono, sano e rappresentativo del carattere del territorio sul quale cresce.

Il vino prodotto è ottenuto dalla semplice spremitura delle uve, è uva pura come tiene a sottolineare lei stessa. il rispetto che Mariella persegue in vigna prosegue in cantina, dove al mosto fiore non viene aggiunto nulla, nessun additivo o sostanza chiarificante, niente aromi né coloranti. Non utilizza più il torchio di famiglia proprio perchè lei  al vino non vuole aggiungere nulla, nemmeno il liquido ottenuto dalla torchiatura delle vinacce rimaste. Per non parlare della solforosa, aggiunta solo se strettamente necessario, e comunque, in dosi bassissime.

Il vino de Il Poggio non è certificato biologico ma, come dice Mariella, è molto di più. Non si limita a rispettare i limiti imposti dalla certificazione biologica, va ben oltre, tanto che una semplice certificazione non renderebbe giustizia al prodotto che fa. Lontana una scelta del naturale per scopi puramente commerciali, il rispetto per l'ambiente è la primaria cosa per vivere in un mondo più sano con prodotti genuini di qualità.

Mariella fa il vino come deve essere fatto, non cerca in alcun mododi renderlo più affine ai gusti del pubblico, convinta che il suo vino sa farsi amare così com'è.

Noi pensiamo che l'Otrepò avrebbe bisogno di più produttori come Mariella, che della qualità ne fanno una bandiera a scapito della quantità. Perchè l'Oltrepò possa godere in futuro di più alti riconoscimenti in Italia e all'estero, deve dare più voce a quei produttori che, con il loro vino, sanno valorizzarlo senza paura di uscire da quegli schemi prepotentemente tracciati dal mercato in nome di un consumismo spietato e irrispettoso di ogni cosa.

Galleria fotografica
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item
portfolio item